JD's Blog: no, Scrubs non c'entra proprio niente.

Far riconoscere l’HTC Dream G1 all’Android SDK/ADB/Fastboot sotto Ubuntu 9.10 Karmic Koala

Logo AndroidSono oramai sette giorni esatti che smanetto col mio nuovo HTC Dream G1. E solo ora ho trovato il tempo per scrivere qualche guida che lo riguarda.

In questo articolo cercherò di spiegare come far riconoscere il Dream all’Android SDK e ai tools ADB e Fastboot sotto Ubuntu 9.10 Karmic Koala1.

Per prima cosa si deve scaricare l’Android SDK per Linux. Terminato il download e decompresso l’archivio ci si deve recare con un terminale nella sottodirectory tools/ dell’SDK che contiene l’eseguibile adb.

Adesso sarà necessario digitare i seguenti comandi per permettere il corretto riconoscimento del device da parte di Ubuntu:

sudo su
echo 'SUBSYSTEM=="usb", SYSFS{idVendor}=="0bb4", MODE="0666"' | tee -a /etc/udev/rules.d/50-android.rules
echo 'SUBSYSTEM=="usb", ATTR{idVendor}=="0bb4", MODE="0666"' | tee -a /etc/udev/rules.d/90-android.rules
exit

Con i comandi sopra riportati si sono creati due files contenenti delle regole per il device manager del kernel Linux, ora si devono rendere eseguibili questi files:

sudo chmod a+rx /etc/udev/rules.d/50-android.rules
sudo chmod a+rx /etc/udev/rules.d/90-android.rules

A questo punto rimane solo da riavviare udev:

sudo service udev restart

Per poter comunicare con adb è necessario abilitare USB Debugging sull’HTC Dream.

Prendendo in mano il Dream e partendo dalla Home compiamo in sequenza le seguenti azioni: Tasto Menu -> Impostazioni -> Applicazioni -> Sviluppo -> Abilitare Debug USB.

Se già non lo è, collegare il Dream tramite il cavo USB e, accertandosi di essere nella directory tools/ dell’Android SDK, digitiare:

sudo ./adb kill-server

Seguito da un:

sudo ./adb devices

L’output del comando dovrebbe restituire un qualcosa di simile:

* daemon not running. starting it now *
* daemon started successfully *
List of devices attached
HT93XXXXXXXX    device

A questo punto il vostro HTC Dream G1 dovrebbe essere perfettamente riconosciuto da qualunque tool.

Fastboot

Approfitto di questo articolo per riportare anche le semplici istruzioni su come scaricare e avviare fastboot sotto Linux.

I passi sono veramente semplici: si deve scaricare il tool da questo indirizzo, decomprimerlo nella sottodirectory tools/ dell’Android SDK e assegnargli i permessi di esecuzione (tasto destro sul file, Proprietà, Permessi e mettere la spunta su «Consentire l’esecuzione del file come programma»).

Note all’articolo:

  1. questa procedura dovrebbe funzionare comunque anche sotto Ubuntu 9.04 Jaunty Jackalope []